Caltagirone spa: utile in crescita grazie a immobiliare e cemento

Questo mese di novembre è davvero ricco di trimestrali e di pubblicazioni di dati aziendali, dunque non si ha che l’imbarazzo della scelta per quel che concerne una trattazione di questo tipo: ad esempio, la giornata di ieri è stata caratterizzata dalla diffusione delle stime da parte di Caltagirone spa, la società quotata a Piazza Affari che fa capo all’omonimo gruppo e che è attiva nell’ambito dell’edilizia, del real estate, dell’editoria e del cemento. Che cosa c’è da dire in tal senso? L’utile conseguito dalla spa di Via Barberini nei primi nove mesi di questo 2011 è stato pari a 3,5 milioni di euro, di gran lunga superiore a quello ottenuto nello stesso periodo dello scorso anno: alla data del 30 settembre 2010, infatti, la stessa azienda aveva beneficiato di appena 546mila euro, quindi vi è stato un incremento di ben sei volte. Lo stesso discorso può essere fatto anche per i ricavi operativi, i quali si sono attestati a quota 1,07 miliardi di euro.

Read more

Lloyds, risultati in netto calo

Sono insufficienti i risultati che il gruppo Lloyds ha dovuto pubblicare negli ultimi giorni. Risultati che hanno deluso una buona parte degli analisti, che hanno visto gli utili ante imposte scendere a quota 644 milioni di sterline, contro risultati dello stesso periodo dello scorso anno pari a 820 milioni di sterline, e con previsioni degli osservatori di Borsa che auspicavano il raggiungimento di un livello pari ad almeno 750 milioni di sterline, evidentemente ben al di sopra di quanto in concreto ottenuto dalla società finanziaria.

Che il periodo recente non fosse dei migliori, per Lloyds, lo avevano intuito tutti. Quello che ora sembra preoccupare maggiormente, tuttavia, non è il dato consolidato, quanto ciò che potrà accadere in futuro. Un futuro grigio, con le previsioni sull’economia britannica particolarmente deteriorate, che non potrà che portare al ribasso di margini della società, e di tutti gli altri principali competitors di mercato.

Read more

Vodafone porta in rialzo le previsioni di fine anno

Vodafone, uno dei più noti operatori telefonici di tutto il mondo, ha dichiarato di aver portato in rialzo le proprie previsioni sulla fine dell’anno. Il termine dell’esercizio fiscale dovrebbe in altri termini concludersi meglio del previsto, con il gruppo britannico che ha spostato l’asticella degli utili in rialzo significativo rispetto alla precedente previsione, superando altresì alcune delle più importanti stime degli analisti internazionali, che attendevano comunque una possibile mossa di questo genere da parte della compagnia.

In termini quantitativi, rileviamo pertanto come la società britannica abbia affermato che i profitti operativi di fine anno giungeranno a quota 11,8 miliardi di sterline, contro l’auspicio di 11,4 miliardi di sterline frutto della precedente elaborazione. Sul fronte dei dati consuntivi, invece, l’Ebitda del II trimestre fiscale risulta essere cresciuto del 2,3% a quota 7,53 miliardi di dsterline, con un risultato sicuramente superiore alle stime dei principali analisti.

Read more

Graff Diamonds tenta la carta della quotazione a Hong Kong

Graff Diamonds, società londinese celebre per i suoi gioielli e diamanti, sta pianificando nel dettaglio un’offerta pubblica iniziale di un miliardo di dollari per la quotazione alla borsa di Hong Kong: l’evento in questione dovrebbe avvenire nei primi mesi del prossimo anno, ma più che altro questa notizia conferma come molte compagnie estere siano sempre più propense a puntare sulla finanza della città cinese, come avvenuto non molto tempo fa con Prada. Questa settimana sarà decisiva per l’invio di tutte le proposte relative alla sottoscrizione. Tra l’altro, non bisogna dimenticare che questa piazza finanziaria, insieme a quella di Shanghai, rappresentano le due borse internazionali con la maggiore crescita in assoluto. La quotazione, inoltre, verrà supportata dal contributo fondamentale di Rothschild.

Read more

Pirelli, nove mesi ad alta redditività

Corrono davvero veloci i pneumatici di Pirelli: la società milanese ha reso infatti noti i dati aziendali relativi ai primi nove mesi di quest’anno mettendo in luce una redditività piuttosto interessante. Nello specifico, il periodo di tempo compreso tra gli scorsi mesi di gennaio e settembre è stato caratterizzato da un utile netto superiore ai 251 milioni di euro, un dato che rappresenta un progresso importante rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (ben il 56,8% in più), mentre il risultato operativo che è stato conseguito a seguito degli oneri di ristrutturazione è stato protagonista di una crescita di quasi quarantasette punti percentuali (nel dettaglio, si è trattato di un +46,8%), con oltre 451 milioni di euro nel complesso.

Read more

Safilo: i mercati emergenti trainano l’ultima trimestrale

L’inizio di questo mese di novembre è tempo di trimestrali per molte società italiane e anche Safilo non è stata da meno: il gruppo veneto, celebre per la sua produzione e distribuzione di occhiali, ha infatti reso noti i risultati che sono stati conseguiti nel corso del terzo trimestre (luglio-settembre) del 2011 e dei primi nove mesi di questo stesso anno. Che cosa c’è da dire a tal proposito? La crescita dei ricavi della compagnia di Padova è stata senz’altro positiva rispetto allo stesso periodo del 2010, grazie soprattutto al mercato americano e a quelli che possono vantare il maggiore potenziale. Lo stesso discorso può essere fatto anche per il risultato operativo. Patrimonio e situazione economico-finanziaria sono andati praticamente di pari passo; nel dettaglio, gli stessi ricavi hanno subito un incremento di quasi sette punti percentuali (+6,7% volendo essere più precisi), mentre il margine operativo lordo è stato capace di crescere addirittura di due cifre, a conferma dell’ottimo stato di salute del gruppo in questione.

Read more

Qantas, voli gratis per risarcire i propri utenti

Qantas Airlines, la compagnia aerea australiana recentemente terminata al centro di una dura contestazione sindacale che ha – di fatto – lasciato con gli aerei fermi per due intere giornate, sta lanciando una serie di iniziative che potrebbero permettergli di chiudere bonariamente i disservizi generati nei confronti della propria utenza. Una serie di provvedimenti che prenderanno il via dal prossimo mese di dicembre, generando ulteriori aggravi al bilancio della società, già messo a dura prova dallo scorso sciopero.

L’azienda ha infatti deciso di scusarsi con la propria clientela offrendo alla stessa dei voli gratis. Gli utenti Qantas, che non hanno potuto usufruire dei voli programmati per la due giorni di sciopero, potranno così usufruire di ticket gratuiti, spendibili entro due anni, per volare in Australia o in Nuova Zelanda. Un provvedimento iniziale, sostiene l’amministratore delegato Alan Joyce, che sarà seguito da altre azioni che la compagnia desidera rendere concrete per distendere gli animi nei confronti dei propri clienti, la cui pazienza è stata messa a dura prova dall’immobilismo delle infrastrutture societarie.

Read more

Ftse Mib: continua l’ottimo momento del Gruppo Campari

Il Ftse Mib, il principale indice azionario della nostra borsa valori, è dominato attualmente da un titolo: si tratta di Campari, il gruppo lombardo celebre per le proprie bevande alcoliche, la quale sta sfruttando al massimo il gradito ritorno degli acquisti proprio a Piazza Affari. L’azione a cui si sta facendo riferimento, infatti, è da tempo al di sopra della parità e si sta mettendo in luce per i propri livelli, decisamente alti rispetto ad altri listini. Entrando maggiormente nel dettaglio statistico, c’è da dire che lo scambio in questione è avvenuto a 5,62 euro, il che significa che vi è stato un rialzo pari a due punti percentuali, mentre le azioni che sono passate di mano e di proprietà sono state circa 850mila. Come si spiegano tutte queste movimentazioni importanti?

Read more

Toyota, recupero della produzione posticipato al 2012

Il progetto di Toyota, uno dei leader mondiali nella produzione di autoveicoli, di recuperare i livelli produttivi persi nel corso dei mesi successivi alla devastazione dello tsunami abbattutosi sul Giappone, sarà ritardato al primo o al secondo trimestre del 2012. La causa di quanto sopra, secondo i giornalisti locali, non sarebbe da attribuirsi a stime errate da parte della casa madre, quando a un nuovo evento straordinario (le alluvioni in Thailandia) che ha rovinato i progetti della società giapponese.

Toyota, che è il principale produttore auto di tutta l’Asia, ha infatti dovuto fronteggiare la seconda grande emergenza naturale dell’anno: dopo il dramma riscontrato nel corso del mese di marzo, quando lo tsunami costrinse gli impianti locali alla serrata, è ora la volta delle unità produttive della Thailandia, la cui interruzione sta provocando conseguenze consecutive nelle varie fasi successive della catena di montaggio aziendale.

Read more

RBS, conti ancora in peggioramento

La Royal Bank of Scotland Group (RBS), la più importante banca britannica controllata dallo Stato, ha chiuso il terzo trimestre dell’anno con utili in calo del 63%. Si tratta di una contrazione di redditività molto rilevante, che supera le stime compiute dagli analisti di settore, e che sembra essere imputabile principalmente a quanto sta accadendo all’interno dei confini del vecchio Continente, la cui crisi non accenna ad arrestarsi.

I profitti operativi sono pertanto crollati su base annua, per un volume pari a 267 milioni di sterline (circa 430 milioni di dollari), e al di sotto del dato relativo alle stime degli analisti, che attendevano profitti per 343 milioni di sterline.

Read more