Il Rei verrà esteso. È già abolita la norma del minore

di Daniele Pace Commenta

reiL’accesso al Rei (il reddito di inclusione) sarà più facile, da questo mese. È stata infatti già abolita la norma che indicava come la presenza di almeno un minore un requisito fondamentale per utilizzare gli aiuti contro la povertà. E non solo un minore, ma prima si indicava anche un disabile, una donna in stato di gravidanza o un disoccupato over 55, come requisiti, naturalmente non complessivi, per accedere agli aiuti.

Cosa cambia

Il cambiamento è radicale, visto che da mezzo milione di famiglia in regola con i requisiti, si passerà a 700mila. Se prima avevano speranza di sfruttarli 1,8 milioni di individui, ora il sussidio potrebbe raggiungere i 2,5 milioni di persone.

Un allargamento degli aiuti condiviso e rivendicato da tutti. Non a caso è stato commentato sia dall’ex premier Gentiloni, che dell’ex ministro Graziano Delrio.
Una misura necessaria per aiutare i cittadini colpiti dalla crisi che potranno ricevere 187,5 euro come single e 539,8 euro come famiglia da almeno 6 persone.
Ora basterà avere un Isee non superiore a 6.000 euro e un patrimonio immobiliare inferiore a 20.000 euro. Si può usufruire del sussidio per 18 mesi, anche se si lavoro. Poi bisognerà aspettare sei mesi, prima di poterlo richiedere di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>