Goldman Sachs fa i conti con la crisi

di Roberto R Commenta

La banca d’investimento americana Goldman Sachs ha registrato profitti in calo del 12% su base annua nel secondo trimestre: l’utile netto del gruppo si è attestato a 927 milioni di dollari, contro 1,05 miliardi di dollari dello stesso periodo dello scorso anno. La differenza rispetto al primo trimestre, è ancora più netta, e metta in evidenza una contrazione del 55%.

L’utile per azione si è attestato a 1,78 dollari,  in calo del 7% su base annua, ma si tratta di un risultato comunque al di sopra delle attese degli analisti, la cui stima, in media, era di 1,17 dollari. Anche il fatturato accusa una flessione, a causa di un rallentamento delle attività dei clienti del gruppo, ma ugualmente al di sopra delle aspettative di Wall Street. Il volume d’affari è diminuito del 9% anno su base annua tra aprile e giugno, toccando quota 6,63 miliardi, contro i 6,28 miliardi attesi dagli analisti.“Durante il secondo trimestre, le condizioni del mercato sono peggiorate e il livello di attività da parte delle società così come degli investitori, è diminuito a causa della continua instabilità in Europa e delle preoccupazioni sulla crescita globale” ha commentato l’amministratore delegato, Lloyd Blankfein. La crisi finanziaria globale ha dunque colpito duramente anche Goldman Sachs, con un notevole impatto sui suoi conti.

“La nostra priorità resta quella di soddisfare le esigenze dei nostri clienti, mentre gestiamo prudentemente il nostro capitale, la nostra liquidità e il nostro rischio”, ha aggiunto. La divisione investment banking ha registrato un calo del 17%, con una riduzione del 37% delle emissioni di azioni, in una fase in cui il mercato delle IPO è atono, e un declino del 26% della consulenza finanziaria, minato da un rallentamento delle fusioni e acquisizioni. La diminuzione delle emissioni del debito è stata più contenuta (- 2%).

Il fatturato dell’unità di  gestione degli investimenti, tuttavia, è avanzato del 5% e quello dell’unità di servizi agli investitori istituzionali, principalmente di intermediazione, è salito dell’11%, portandosi a 3,9 miliardi dollari .

L’attività di intermediazione di obbligazioni, valute e materie prime per conto terzi – di clienti – ha generato ricavi per $ 2,2 miliardi, in crescita del 37%, mentre quella immobiliare è diminuita del 12% a $ 1,7 miliardi, “che riflette un fatturato molto inferiore nei derivati” e un minore livello di attività nei mercati.

I proventi da investimenti in proprio della banca sono scesi dell’81% su base annua nel secondo trimestre, inclusa una perdita di 194 milioni dollari dalla vendita di una quota nella banca cinese Industrial e Commercial Bank of Cina (ICBC ).

Sul  fronte  salari, il gruppo ha accantonato 2,9 miliardi di dollari per la remunerazione dei suoi dipendenti, 9% in meno di un anno fa. Il personale del gruppo è sceso nella stessa proporzione a 32.300 unità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>