Allianz: gli errori previdenziali che le donne devono evitare

di Redazione Commenta

I tre giorni (16, 17 e 18 maggio per la precisione) che saranno dedicati a breve alla Giornata Nazionale della Previdenza vedranno come protagonista anche una celebre società del settore assicurativo e finanziario come Allianz. La compagnia tedesca sarà infatti presente a Milano in una occasione così importante e il suo stand sarà utile per capire quelle che sono le migliori soluzioni previdenziali per le diverse esigenze dei consumatori. Non è un caso, dunque, che sarà presentato un interessante decalogo, il quale contiene i tipici errori che le donne devono assolutamente evitare quando si ha a che fare con tale materia.

Una simile guida può essere molto utile per il “gentil sesso”, dunque cerchiamo di capire di cosa si tratta. Il gruppo di Monaco di Baviera ha pensato di stilare un vademecum per offrire alle donne consigli pratici e approfondimenti sulla pianificazione finanziaria, in modo da avere come risultato un reddito robusto e adeguato e una pensione di buona solidità. L’ambito pensionistico non va mai sottovalutato, un errore spesso compiuto proprio dalle donne che hanno appena divorziato dopo un matrimonio di lunga durata e che, di conseguenza, si trovano ad affrontare la loro età senza le risorse economiche necessarie per vivere in maniera dignitosa dopo tanti sacrifici.

Ma quali sono gli errori più comuni? Tra di essi possiamo elencare la convinzione che lo stipendio del marito possa mantenere due persone, l’età considerata troppo giovane per pensare alla pensione, l’associazione di quest’ultima ai piccoli lavori e a quelli part-time, ma anche il secco rifiuto di investire sui mercati azionari e la convinzione di avere bisogno di poco per vivere, dunque senza alcun bisogno di risparmi. La speranza di Allianz è di aiutare se non altro a ragionare in maniera diversa: nel nostro paese la compagnia teutonica rappresenta uno dei principali leader assicurativi, con oltre duemila agenti e sei milioni di clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>