Accordo tra Iveco e Larimar Group in Sudafrica

di Simone Commenta

 Si sta parlando di Fiat in questi giorni a causa della pubblicazione e discussione del piano industriale relativo al Lingotto: c’è anche un’altra notizia che riguarda ora l’azienda torinese, più precisamente l’accordo che è stato sottoscritto da Iveco, società che fa parte del gruppo Fiat Industrial e che è specializzata da tempo nel produrre veicoli industriali e autobus, e Larimar Group, un gruppo che ha sede in Sudafrica e che è attivo anch’esso nell’ambito del trasporto collettivo e nell’allestimento di autobus. Che cosa può nascere da una intesa simile? In pratica, i due attori hanno deciso di creare una apposita joint venture, in modo da poter produrre e commercializzare veicoli e autobus nel paese africano.

Dunque, si provvederà a istituire una newco, una società nuova di zecca con una partecipazione azionaria ben precisa: a Iveco, infatti, spetterà una quota pari al 60%, così da avere la possibilità di produrre le vetture in questione in uno stabilimento che si trova nella parte più periferica della città di pretoria. In aggiunta, la capacità produttiva garantita dall’impianto industriale arriverà ogni anno a settemila veicoli commerciali e a mille autobus, sfruttando una forza lavoro interessante, circa mille dipendenti. Anche il funzionamento della newco è presto detto.

Entrando maggiormente nel dettaglio, questa newco avrà il compito di assemblare i veicoli commerciali, sia quelli leggeri che quelli pesanti, senza dimenticare però gli autobus che sono destinati alla città: le due alternative, poi, saranno quelle del motore anteriore e del pavimento piatto. La produzione sarà avviata nel secondo semestre del prossimo anno, mettendo a disposizione gli Eurocargo, una gamma già ben sviluppata e affermata. La vendita, infine, avrà luogo a cura di Iveco South Africa, coinvolgendo tutta la regione e la rete di distribuzione attuale. Per quel che concerne gli autobus, al contrario, questi ultimi saranno una prerogativa della joint venture di cui si è parlato in precedenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>