HP taglia 27 mila posti

di Roberto R Commenta

 HP, Hewlett-Packard, il big americano dei personal computer, ha scelto di ridurre fortemente le fila delle proprie risorse umane lasciando a casa ben 27 mila dipendenti. Un taglio che in termini assoluti assume proporzioni piuttosto significative, e che anche in termini relativi non sembra poter smentire la gravità della scelta adottata: i 27 mila dipendenti da licenziare risultano essere pari a circa l’8% dei suoi 350 mila impiegati. I tagli annunciati pochi giorni fa, e da realizzare entro la fine del 2014, rappresentano altresì il più corposo ridimensionamento della ultra settantennale storia dell’azienda statunitense, che nel corso degli ultimi anni ha dovuto fronteggiare, e non senza grande fatica, la concorrenza esercitata dagli smartphone di ultima generazione e dai tablet.

Ad ogni modo, HP in queste ore sta cercando di rassicurare i propri dipendenti. Lo snellimento delle fila delle risorse umane dovrebbe principalmente avvenire attraverso l’applicazione di un programma di prepensionamenti, in grado di ridurre l’impatto dei licenziamenti. Il risultato dovrebbe, in qualsiasi caso, essere lo stesso: un risparmio di circa 3,5 miliardi di dollari l’anno, quale risultato della flessione del costo e delle spese del personale.
HP APPROVA INCREDEMENTO DIVIDENDO
Per quanto concerne i risultati trimestrali, HP rende noto come gli stessi siano superiori alle attese del mercato, che stimava utili per azione pari a 0,74 dollari per azione e ricavi per 29,92 miliardi di dollari. Per il terzo trimestre, invece, HP prevede un utile per azione tra 0,94 e 0,97 dollari, al di sotto delle stime degli analisti.

HP VALUTA RIDUZIONE RISORSE UMANE

Complessivamente, l’utile per azione dell’esercizio fiscale 2012 è stato rivisto in rialzo a 4,05 – 4,10 dollari, contro i 4 dollari precedentemente stimati. La società ha così espresso il proprio ottimismo circa il mantenimento della redditività del proprio core business, nonostante il già ricordato impatto negativo determinato dall’agguerrita concorrenza di smartphone e tablet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>