I mercati internazionali attraggono gli investitori italiani

di Carlo Valuta Commenta

Gli italiani sono sempre più attratti dai mercati internazionali, tanto che ben l’86% degli investitori afferma di puntare sui mercati esteri parte del proprio portafoglio. E’ emerso da un recente studio di Legg Mason Global Asset Management, uno dei principali gestori globali.

“L’indagine è stata realizzata in 20 paesi e ha raccolto i dati di oltre 4.000 intervistati (investitori tra i 40 e i 75 anni), con un patrimonio medio investito, per quanto riguarda gli investitori italiani, di circa 1 milione e 700 mila dollari statunitensi”.

>Quando è il momento giusto per investire?

La percentuale dell’86% è la più alta in Europa: “investe all’estero infatti il 71% dei britannici, il 68% dei francesi, il 64% degli spagnoli ed il 61% dei tedeschi. La percentuale italiana è più alta anche di molti dei principali paesi a livello globale (78% degli investitori Usa, 71% in Corea del Sud, 60% in Australia, 59% in Giappone, 33% in Brasile). Solo in Cina, considerando le principali nazioni del mondo tra quelle oggetto di indagine, si riscontra una percentuale leggermente maggiore con l’87% (in assoluto sono Hong Kong e Taiwan, rispettivamente con 92% e 90%, a registrare i valori più alti)”.

>Quali sono gli investimenti meno a rischio?

“Anche la percentuale media di asset investiti all’estero è di gran lunga la più alta riscontrata in Europa: ben il 31% del portafoglio degli investitori italiani è allocato oltre i confine nazionali, contro il 18% registrato tra gli investitori in UK, il 16% in Germania, il 15% in Spagna ed il 13% in Francia. Più del doppio, inoltre, di quanto registrato tra gli investitori di Usa (14%), Australia (13%) e Brasile (11%) e molto più della Cina (18% del portafoglio)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>