Prende il via la nuova vigilanza della Covip

di Redazione Commenta

Diventa effettiva la nuova vigilanza da parte della Covip (Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione) per quel che concerne le casse professionali. Che cosa bisogna attendersi di preciso? Questo ente può svolgere una funzione nuova di zecca e dovrà riferire in tal senso a quei ministeri che sono considerati anch’essi “vigilanti”. In base al Decreto del Ministero dell’Interno dello scorso 5 giugno, la commissione ha possibilità di trasmettere ai dicasteri interessati entro il 31 ottobre di ogni anno una relazione precisa e minuziosa sulle casse in questione. Si avrà dunque a che fare con un rapporto utile per valutare e formulare i rilievi sui bilanci preventivi e consuntivi, oltre alla ripartizione del rischio per quel che riguarda la scelta degli investimenti da effettuare.

Ma cosa dovrà mettere in evidenza tale relazione della Covip? Gli elementi sono diversi, dunque cerchiamo di capire quali sono i più importanti. Anzitutto, si sta parlando dell’indicazione delle politiche di investimento e disinvestimento della componente mobiliare e di quella immobiliare. In aggiunta, occorre tenere in considerazione la composizione del patrimonio, la disaggregazione di quest’ultima in base all’investimento, il risultato della gestione finanziaria, le modalità usate per la gestione diretta oppure quella indiretta (evidenziando gestori e advisor), i sistemi di controllo, la banca scelta per il deposito delle risorse e il tasso di rendimento medio delle attività (gli ultimi cinque anni per la precisione).

Dunque, si capisce bene come la vigilanza debba essere attenta e dettagliata. Le stesse casse previdenziali, comunque, non devono rimanere con le mani in mano. Ad esse viene richiesto di trasmettere alla Covip, entro il 30 giugno di ogni anno, i dati sugli investimenti aggiornati alla fine dell’anno precedente, compilando delle apposite schede. Altro compito da sottolineare in relazione alla Commissione di Vigilanza è quello di richiesta di informazioni e documenti agli enti controllati, materiale molto utile per esercitare i compiti in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>