Joint venture Vodafone – Telefonica

Vodafone e Telefonica hanno raggiunto un accordo per realizzare una joint venture (50 – 50) per gestire le proprie reti di telefonia mobile nel mercato del Regno Unito, a un costo inferiore rispetto a quello dei concorrenti. Una mossa che potrebbe consentire al duo telefonico di poter conseguire un valore aggiunto, all’interno di un clima e di un contesto sempre più competitivo, determinato da una similare azione da parte di Deutsche Telekcom e France Telecom.

In seguito all’intesa raggiunta, le società provvederanno a “gestire una singola rete nel mercato del Regno Unito, nel quale le due compagnie potranno operare per servizi voce e web” – hanno dichiarato le parti interessate in due comunicati distinti, nei quali si precisa altresì che le società continueranno a competere in “ognuno degli altri segmenti di servizio e di prodotto”.

Come sopra anticipato, la venture segue una mossa strategica similare da parte della tedesca Deutsche Telekom e della francese France Telecom, che hanno unito gli sforzi britannici nel nuovo gruppo Everything Everywhere.

UTILI IN CALO PER VODAFONE

I dettagli finanziari della transazione non sono ancora stati resi noti. Ciò che invece è risaputo è che la venture avrà una rete di circa 18.500 spot, in grado – entro il termine del 2015 – di coprire fino al 98% della popolazione del Regno Unito attraverso tecnologie di seconda e di terza generazione.

Si tratta, come evidente, di una mossa realizzata al fine di sfruttare sinergicamente le economie di scala già presenti singolarmente nelle due aziende, abbassando i costi di sviluppo, e offrendo una maggiore velocità di download. La dichiarazione non ha ad ogni modo sorpreso i principali osservatori di mercato, che attendevano la formalizzazione di una simile scelta da parte delle due compagnie, già avvicinatesi significativamente nel corso degli ultimi mesi, e in odor di joint venture – poi effettivamente licenziata attraverso i comunicati degli scorsi giorni.

Lascia un commento