Mercedes Benz diventa il leader delle vendite americane di lusso

di Roberto R Commenta

 La Daimler (Mercedes Benz) ha superato la BMW di oltre 5 mila unità vendute negli Stati Uniti nel corso dello scorso mese, diventando il leader di segmento nel mercato nordamericano. Le vendite della Mercedes sono state favorite principalmente dal rinnovamento della Classe C, e dall’opera di redesign della Classe M, le cui consegne in favore della clientela sono aumentate del 47% a quota 26.796 unità durante l’undicesimo mese dell’anno, come confermato da un comunicato stampa diffuso dalla società tedesca.

Le vendite di BMW sono invece cresciute di 7 punti percentuali nel mercato statunitense, toccando le 21.521 unità nel corso dello stesso periodo, e acuendo così il distacco che separa lo storico brand di Monaco dal connazionale. Non solo: il risultato di novembre permette a Mercedes di avvicinare la BMW anche in qualità di vendite complessive dell’anno, con un gap che ora è inferiore alle 1.600 unità.

Da inizio anno a fine novembre, le vendite di BMW sono infatti cresciute di 12 punti percentuali a quota 221.073 unità, mentre quelle di Mercedes sono balzate della stessa entità, a 219.941 unità, ponendo pressione al leader di segmento, per quello che si preannuncia un dicembre molto caldo tra le due compagini societarie, che presumibilmente avranno modo di giocarsi il ruolo di primatista commerciale fino all’ultimo giorno dell’attuale esercizio.

Alle spalle del duo vi è invece la Toyota Motor, che con la Lexus è stata la storica dominatrice del mercato delle auto di maggior prestigio nel Paese, e che invece ora si trova a chiudere l’anno nelle posizioni di relativa retroguardia, a causa delle note difficoltà che hanno colpito gli impianti giapponesi prima, e quelli statunitensi e del Sud Est asiatico poi.

Ad ogni modo, che possa trattarsi di una corsa all’ultimo respiro per BMW e Mercedes, sono convinti tutti i principali azionisti. La TrueCar.com, intanto, scommette sul sorpasso della seconda ai danni della prima. Avrà ragione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>