Economia in crisi? Ecco le piccole e medie imprese italiane che vanno controcorrente

di Gianni Puglisi Commenta

Aziende in crescita in Italia? Sembra veramente strano parlare di crescita in un momento in cui la congiuntura economica continua a mietere “vittime”, eppure per alcune aziende è proprio così. Stiamo parlando di una serie di piccole e medie imprese che stanno combattendo la crisi a suon di tassi di crescita impressionanti e fatturati anche quintuplicati. Magia? Assolutamente no, solo tanto impegno e duro lavoro e, ovviamente, anche idee e progetti di valore.

Non si tratta affatto di un percorso semplice, ma certamente raggiungibile solo con tanti sacrifici. Eppure, il quadro che si può evincere dalla classifica delle aziende italiane che crescono di più, stilata dal Sole 24 Ore e da Statista, che è stata denominata “Leader della crescita 2020” è sicuramente molto importante per comprendere meglio la situazione di tantissime piccole e medie imprese, che stanno facendo fruttare al meglio tutto il lavoro svolto negli ultimi anni.

Questa graduatoria, che potrete guardare in maniera attenta e precisa a questo link, è arrivata alla sua seconda edizione, dopo la “prima volta” del 2018 e comprende 400 aziende italiane che si sono autocandidate e che hanno fatto riscontrare una crescita nel fatturato nel triennio che va dal 2015 fino al 2018. Quindi, bando alle grandi aziende e ai marchi più conosciuti, ma spazio e visibilità ad aziende che stanno operando in maniera impeccabile sul mercato, come testimonia anche il tasso di crescita che è stato fatto registrare.

Il ranking è capeggiato da Mamma 2.0, ovvero una società milanese che lavora nel campo dell’E-commerce e che opera con la start-up ribattezzata Mukako. Un vero e proprio successo, visto che questo e-commerce dedicato a design e autodidattica per bambini, va davvero alla grande. Basti pensare che nel triennio che è stato preso in considerazione è stata registrata una crescita annua pari al 316%, raggiungendo un fatturato da ben 7.2 milioni di euro, partendo dai 100 mila euro del 2015.Dominante anche in seconda posizione il mondo degli E-commerce, con l’azienda Supermercato24 SpA, che sta diventando sempre di più di tendenza quando si tratta di fare la spesa direttamente sul web: grazie ad un tasso di crescita pari al 260% annuo, il fatturato ha sorpassato quota 14 milioni di euro.

Chiaramente, il minimo comune denominatore è rappresentato dal digitale, che si ritrova alla fine in ogni settore. Nel campo della pubblicità e del marketing ottimo il risultato che è stato raggiunto da parte di Cookies Factory Srl, azienda di Roma che è riuscita a collocarsi al ventiseiesimo posto. Il tasso di crescita che è stato registrato è pari al 98,37%. Anche in questo caso, l’aumento di fatturato è stato veramente considerevole, dal momento che si è passati dai 671 mila euro del 2015 a oltre 5 milioni di euro dello scorso anno.

Non è finita qui, ovviamente, dal momento che il trend positivo per Cookies Factory Srl è continuato anche durante l’anno corrente. Infatti, la stima di chiusura del 2019, per quanto concerne i ricavi, è andata oltre il muro dei sei milioni e mezzo di euro. Anche in questo il CAGR è particolarmente positivo, dato che si aggira intorno al 76%. Si tratta di un indice particolarmente utile, visto che permette di confrontare imprese che fanno parte di comparti omogenei, anche se non si basa su un approccio realistico.

A testimoniare il momento particolarmente positivo per Cookies Factory c’è anche un’altra notizia, che arriva questa volta dalla Spagna. Infatti, la società romana ha completato l’operazione di acquisizione di una quota di minoranza in Opticks, come è stato messo in evidenza da parte di Engage. Un’operazione che ha come scopo finale quello di creare una partnership solida e duratura per affrontare e combattere insieme le frodi, che stanno aumentando sempre di più nel settore del marketing mobile e digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>