Debito pubblico, nuovo record negativo

di Valentina Cervelli Commenta

Il debito pubblico italiano ha raggiunto nuovo record negativo a giugno: esso è infatti pari a 2.281,4 miliardi, in aumento di 2,2 miliardi rispetto al mese precedente. Ma di chi è la colpa?

Stando ai dati diffusi ufficialmente la colpa è del fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, compensato solo in parte ( 6,3 miliardi su 8,4 miliardi, N.d.R.) dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro scese a 52,6 miliardi dai 92,5 miliardi dell’anno precedente. Ad essere aumentato esponenzialmente è stato il debito delle amministrazioni centrali, che ha fatto registrare un incremento di 4 miliardi: virtuose come sempre le amministrazioni locali il cui debito è sceso di 1,9 miliardi. Quello degli enti di previdenza è rimasto essenzialmente invariato, così come spiega il bollettino della Banca d’Italia “Finanza pubblica, fabbisogno e debito“.

E se ildebito pubblico sale, intanto scendono gli incassi dell’Agenzia delle Entrate. Giugno ha mostrato un decremento di 13,5 miliardi rispetto alle cifre dello stesso mese dell’anno precedente e anche il dato relativo ai primi sei mesi del 2017 segue lo stesso andamento: sono stati incassati 186 miliardi, ovvero un calo del 5,8% rispetto al 2016. La colpa in questo caso è da attribuire allo slittamento di alcune scadenze per il versamento delle imposte. Purtroppo nella situazione generale relativa al debito ha la sua influenza anche quella che è considerabile in tutto e per tutto una fuga da parte degli investitori esteri. Scende infatti il numero di titoli di Stato italiani detenuti da enti non residenti: un calo ascrivibile di almeno 1000 miliardi. Numeri importanti che potranno essere corretti solo mettendo in atto un’attenta politica economica che punti al risparmio ed alla crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>