Popolare di Vicenza, buco record e richiesta di salvataggio statale

di Daniele Pace Commenta

La Banca Popolare di Vicenza chiude con un buco da quasi 2 miliardi la proposta di risarcimento a tutti gli azionisti per il crack della banca

Popolare di Vicenza

La Banca Popolare di Vicenza chiude con un buco da quasi 2 miliardi la proposta di risarcimento a tutti gli azionisti per il crack della banca, con un rimborso di 9 euro per azione per un totale del 70,3% dell’azionarato. Ma il buco della banca non lascia certo speranze per il futuro, tanto che la direzione si è rivolta alla Banca Centrale Europea per ottenere l’autorizzazione di un salvataggio statale, su cui ci deve essere il via libera della Direzione alla Concorrenza UE. La richiesta allo stato è per l’emissione di obbligazioni garantite dal Ministero dell’Economia per circa 2,2 miliardi, titoli a 3 anni. L’ultimo mese è stato ancora più critico per la banca, che ha visto diminuire sensibilmente la raccolta a causa dei noti guai che hanno minato la reputazione e favorito la fuga dei correntisti. Si parla di un’uscita di depositi del 14,4%, per una quota attuale a poco meno di 19 miliardi. Dei circa 94mila azionisti, ben 66.712 hanno accettato il rimborso a 9 euro per azione, ma in realtà la banca contava di raggiungere un’adesione del 80% degli azionisti, per poter mettere una pietra sopra a questo capitolo e cercare di riorganizzare il futuro, anche con l’aiuto statale di garanzia su una raccolta obbligazionaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>