Cosa sono le assicurazioni sanitarie, a cosa servono, perché farle

di Francesca Spano Commenta

Qualcuno pensa di poterne fare a meno, altri ne conoscono i benefici. Le assicurazioni sanitarie sono sempre più diffuse in Italia e più che di una tendenza, si tratta di una acquisita consapevolezza di quanto sia importante proteggere se stessi e i propri cari da infortuni e malattie con una polizza ad hoc. Servono fondamentalmente a sentirsi sicuri, perché coprono buona parte delle spese relative alla salute, in modo da sopperire al Servizio Sanitario, non sempre pronto a gestire i casi specifici. Se le strutture mediche private hanno costi esagerati e quelle pubbliche, non di rado, mostrano delle evidenti carenze, questa è la soluzione alternativa che in tanti stanno adottando.

Le assicurazioni sanitarie, forse a causa dei costi, ci hanno messo un bel po’ a farsi strada in Italia, ma i vantaggi sono notevoli anche in caso di ricovero, perché ci si può appoggiare a cliniche convenzionate non pagando nulla o optare per quelle non comprese nel pacchetto ma in parte rimborsabili.

Quando si decide di stipularne una, meglio affidarsi a brand di lunga esperienza come Agos Ducato, che vanta una rosa di proposte e alternative adatte ad ogni esigenza. Nel caso del brand in questione, garantisce polizze legate anche alle cure odontoiatriche o a infortuni di vario tipo.

Il paziente è coperto dai costi per esempio in caso di intervento, oppure se servisse il trasporto in autoambulanza; lo stesso vale anche per le spese legate ad eventuale fisioterapia e rieducazione, cure, medicinali e assistenza medica.

Non si tratta di una soluzione interessante solo per chi è avanti con l’età, perché preservare il proprio benessere è una necessità sempre, sin da giovanissimi. Si è coperti anche per prestazioni mediche successive ad una degenza ospedaliera o per le cure termali.

Insomma, avere un’assicurazione sanitaria porta benefici  per diverse necessità. In linea di massima sono esclusi gli interventi estetici o i danni alla salute causati da eccessi di alcol, droghe o diete.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>