L’Antitrust accetta gli impegni di Telecom Italia sulla posizione dominante

di Simone Commenta

L’Antitrust ha considerato accettabili gli impegni che Telecom Italia ha presentato e rispetterà in futuro per quel che concerne l’istruttoria relativa a un abuso di posizione dominante: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato era infatti intervenuta contro l’azienda di telecomunicazioni, alla luce degli ostacoli rilevati alla partecipazione di altre società concorrenti alle gare per l’affidamento dei servizi settoriali.

Dunque, il cielo comincia maggiormente a schiarirsi su questa vicenda ed è stata proprio l’Agcm a renderlo noto in un suo comunicato. Questo vuol dire che la procedura è stata portata a conclusione senza alcun accertamento di infrazione. In effetti, Telecom Italia ha sin da subito presentato delle apposite misure volte a superare queste criticità dal punto di vista della concorrenza e le contestazioni iniziali sono venute meno. Tali impegni sono comunque vincolanti per l’operatore guidato da Franco Bernabè, almeno fino al momento in cui non sarà stata soppressa questa posizione dominante sui mercati dell’accesso all’ingrosso, quelli presi in esame dall’Antitrust per intenderci.

In pratica, le misure e le promesse sono state valutate come idonee e adeguate per rendere ancora più ricca la serie di informazioni, dati e servizi di cui devono disporre i concorrenti di Telecom Italia. Questi ultimi, vale a dire quelli che sono meglio conosciuti con la sigla Olo (Other Licensed Operators per la precisione), potranno ora formulare in maniera più corretta le loro offerte, con le gare bandite dai grandi clienti pubblici e privati che godranno di maggiore libertà di azione. In aggiunta, vi saranno garanzie nuove di zecca per quel che concerne la parità di trattamento in questo ambito. L’Antitrust aveva richiesto proprio una integrazione informativa di tale tipo, altrimenti non vi sarebbero stati gli strumenti per predisporre le offerte di gara. A questo punto, a Telecom Italia rimangono altri tre mesi di tempo per informare l’authority di tutte le azioni che sono state avviate per il rispetto degli impegni assunti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>