Banche europee a rischio

di Roberto R Commenta

Stando a quanto affermato dal Fondo Monetario Internazionale in un recentissimo approfondimento statistico, la fase più difficile della crisi dovrebbe finalmente essere alle spalle, ma i debiti rimarranno elevati ancora a lungo, caratterizzando una “condizione cronica pericolosa”. Non solo. Sempre secondo quanto riferiscono le analisi del FMI, “in Irlanda e in Spagna il debito pubblico è bilanciato da solidi bilanci delle famiglie”.

In proposito dell’Italia, il FMI rivela come l’indebitamento delle famiglie italiane sia pari al 51% del Pil, per un dato inferiore alla media dell’area euro, pari al 70%. In maniera ancora più specifica, l’indebitamento rapportato al Pil risulterebbe essere significativamente minore di quanto riscontrato negli Stati Uniti (88%) e in Inghilterra (99%).

Ad ogni modo, a preoccupare gli analisti del Fondo è soprattutto la situazione dei principali istituti di credito, visto e considerato che in Europa 58 tra le principali grandi banche potrebbero essere costrette a ridurre i propri bilanci di circa 2.600 miliardi di dollari (2.000 miliardi di euro), per un controvalore equivalente al 7% degli asset totali, entro la fine del prossimo anno. Secondo quanto ribadito dal Fondo, un quarto del deleveraging arriverà da una riduzione del credito e la quota restante dalla vendita di titoli ed asset.

Ancora, il Fondo suggerisce come i miglioramenti riscontrati nel mercato non devono far dimenticare che l’eurozona dovrà ancora “affrontare molte sfide”. Sfide che riguarderanno anche e soprattutto l’Italia, titolare di un debito troppo elevato, che non potrà che interagire negativamente con gli alti costi di finanziamento collegati, e che avrà un tasso di interesse sul debito pari a 4,6 punti percentuali nel 2016 nello scenario migliore, o di 5,7 punti percentuali nello scenario peggiore.

Il Fondo si è poi soffermato sulla necessità di un firewall credibile, che possa rassicurare i mercati circa la volontà dei governi nazionali di affrontare di petto le attuali difficoltà congiunturali.

LENTO RECUPERO ECONOMIA USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>