AcomeA chiarisce la tassazione di fondi e titoli

di Simone Commenta

 AcomeA, una delle principali società di gestione del risparmio del nostro paese, ha spiegato i vari atteggiamenti da assumere in relazione alla tassazione di fondi e titoli finanziari: l’aliquota del 20% sulle plusvalenze, ad esempio, può essere scongiurata mediante un apposito affrancamento, una operazione che va effettuata necessariamente entro e non oltre il prossimo 31 marzo recandosi in banca. In questa maniera, sarà possibile applicare l’aliquota ridotta, vale a dire quella del 12,5% e pagare tale imposta anche se la plusvalenza non è stata realizzata. C’è però da precisare che la procedura dell’affrancamento può rivelarsi davvero utile soltanto quando la plusvalenza stessa è maturata, mentre non viene consigliata nell’ipotesi di un prezzo di vendita più basso rispetto a quello del 31 dicembre di quest’anno.

L’aliquota agevolata è sempre prevista quando si ha a che fare con strumenti finanziari che fanno capo alla cosiddetta “white list” dell’Ocse, l’elenco di stati e giurisdizioni che sono sostanzialmente virtuosi dal punto di vista tributario. Qualche difficoltà può sorgere nel momento in cui il fondo comune che si detiene in portafoglio fa registrare un rialzo, ma non si riesce a comprendere in quale misura i titoli di stato sono riusciti a contribuire alla plusvalenza. Secondo la stessa AcomeA, il calcolo della tassazione non è troppo complicato e può essere suddiviso in due modalità distinte: anzitutto, si può calcolare la percentuale media dei titoli della white list e applicarla al guadagno totale sul fondo, andando poi a moltiplicare il valore ottenuto per 62,5%.

Il risultato in questione sarà l’aggiustamento della plusvalenza. Il metodo alternativo prevede al contrario l’applicazione dell’aliquota del 12,5% alla plusvalenza iniziale e per il resto con l’aliquota del 20%. L’imposizione fiscale complessiva sarà data da questi due valori e si otterrà sempre lo stesso risultato: si tratta di precisazioni fondamentali, anche perché gli investitori si trovano spesso in difficoltà proprio in tale ambito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>