Banca Popolare di Bari, ok da CdA alla costituzione dell’Osservatorio

di Gianni Puglisi Commenta

È stato il Consiglio di Amministrazione a dare l’ok definitivo, anche se ormai la notizia era praticamente certa, visto che era stata anticipata ai vari organi di stampa già lo scorso 8 agosto: è nato l’Osservatorio sul contesto istituzionale e di mercato.

Si tratta di un ente che può vantare caratteristiche di piena autonomia e indipendenza nei confronti della Banca Popolare di Bari e che sarà formato da tre membri: si tratta del dott. Lorenzo Gorgoni, del prof. Canio Trione e del prof. Giovanni Ferri. Questo nuovo ente si muoverà in un campo incentrato sui rapporti tra l’istituto di credito pugliese i Soci, cercando di analizzare e approfondire qualsiasi tematica riguardante tale ambito.

Inoltre, l’Osservatorio avrà anche dei poteri propositivi: i tre membri, infatti, avranno la possibilità di portare fino al Consiglio di Amministrazione tutta una serie di iniziative e proposte che saranno incentrate sul miglioramento del rapporto esistente tra la Banca Popolare di Bari, i suoi Soci e le diverse associazioni dei consumatori. Non solo, dal momento che l’Osservatorio potrà dare il via a dei progetti specifici con l’intento di migliorare la liquidibilità delle azioni. Stesso discorso per la promozione di iniziative con lo scopo ultimo di ridare l’effetto valore a tutta la compagine sociale.

Interessanti indiscrezioni da Milano Finanza: l’utilizzo dei crediti fiscali maturati?

Nell’ultima seduta, il Consiglio di Amministrazione si è occupato anche del “Protocollo di Intesa per la Realizzazione di una Procedura di Conciliazione”. Ebbene, ha preso la decisione, condivisa anche da parte del Comitato per la Tutela degli Azionisti dell’istituto di credito pugliese, di estendere il termine ultimo per aderire al suddetto Protocollo fino al prossimo 31 dicembre 2019. Una scelta che è stata salutata in modo notevolmente positivo da parte di tutte le principali associazioni dei consumatori, visto che l’adesione iniziale è arrivata da Adusbef, Assoconsum, Lega Consumatore, Unione Nazionale Consumatori, Adiconsum, Codacons, Confconsumatori e dall’associazione Praesidium. Secondo alcune indiscrezioni, è pronto per la Pop Bari un deal per utilizzare i crediti fiscali maturati, così da poter beneficiare della nuova normativa sulle Dta. Per il momento si tratta solo di rumors (Via | MF)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>