Telecom: arriva il fondo Elliott con il 6%

di Daniele Pace Commenta

Telecom-ItaliaIl Fondo Elliott, famoso per aver finanziato l’acquisto del Milan, si prende il 6% di Telecom e lancia la sfida a Vivendi per il controllo aziendale sul piano industriale.

Una scelta, quella del finanziere Paul Singer, che punta a gestire il malcontento manifestato da molti azionisti verso i francesi, e la loro gestione.

I poteri in Telecom

Per questo, il Fondo Elliott ha in mente di poter gestire la situazione con il solo 6% della azioni. Vivendi ha il 23,9% e Mediaset il 29,9%. Ma c’è un 40% di insoddisfatti, tra cui Fossati, che aveva già provato a spodestare i francesi attraverso la convocazione dell’assemblea, allo scopo di presentare una lista per cui serve un minimo del 5%. Il 6% è dunque sufficiente per poter presentare i propri candidati nell’assemblea e tentare il cambio manageriale in seno a Telecom.

Il piano Elliott

Il piano Elliott prevede di puntare sul Brasile, dove Singer ha forti legami e conosce il mercato. Qui Telecom controlla TIM Participacoes, secondo operatore del paese.

I frrancesi stanno valutando il nuovo piano industriale, ma l’empasse del voto e del nuovo governo potrebbe mettere i bastoni tra le ruote a tutti i protagonisti.

Il Fondo Elliott management è forte dei suoi circa 34 miliardi di dollari di investimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>