Ultime due settimane per l’accentramento dell’Inail

Mancano davvero pochi giorni alla novità strutturale che andrà a riguardare l’Inail (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le Malattie Professionali): in effetti, il prossimo 15 settembre rappresenta una scadenza fondamentale per l’ente in questione, vale a dire il termine che i datori di lavoro devono rispettare per richiedere l’accentramento presso una sola sede delle posizioni assicurative. L’obiettivo di questa operazione è facilmente intuibile, ovvero l’esecuzione completa e dettagliata degli adempimenti, evitando di avvalersi di un alto numero di sedi.

L’efficacia della richiesta, inoltre, sarà valida per tutto il prossimo anno. Entrando maggiormente nello specifico, c’è da dire che tale accentramento dei contributi può essere realizzato su vari livelli. Il primo di essi è ovviamente quello nazionale, senza dimenticare quello interregionale, regionale e anche provinciale. La richiesta in questione, inoltre, va effettuata presso la sede nel cui ambito territoriale si trova la sede legale del datore, tranne nel caso del livello provinciale. In quest’ultimo caso, infatti, il termine rimane sempre lo stesso, ma l’istanza deve essere indirizzata alla stessa sede provinciale. Vi sono poi delle condizioni ben precise che non si possono non rispettare.

In pratica, questo accentramento non è stato intaccato nella sua forma dalla riforma del libro unico del lavoro, pertanto i requisiti contestuali sono gli stessi con cui si è avuto a che fare negli anni scorsi. Anzitutto, si tratta dell’alto numero di unità produttive da ricondurre allo stesso datore, oltre alla diffusione capillare delle unità sul territorio: nel secondo caso, possono essere interessate più regioni, più provincie, la stessa provincia in cui sono operative diverse sedi dell’Inail. La domanda che si sta descrivendo ha durata annuale e deve contenere necessariamente tutti i motivi che sono alla base della richiesta, in aggiunta alle esigenze della stessa (l’Inail ha posto l’accento sulle indicazioni di queste ultime, per non rischiare il rigetto).

Lascia un commento