Crollo Bitcoin: le ragioni di una correzione

di Valentina Cervelli Commenta

Quali sono le ragioni del crollo vissuto dai Bitcoin in questi giorni? La correzione del suo andamento è stata imponente e quasi “costante”: in 24 ore  ha bruciato circa 121 miliardi di dollari, ovvero un quarto della sua capitalizzazione e come sottolinea qualche analista, il doppio del valore di Tesla.

L’andamento di questa settimana aveva fatto presagire problemi a breve termine, soprattutto pensando alle problematiche di cybersicurezza riscontrate su due piattaforme di scambio di criptovalute ed i vari avvertimenti arrivati dalla Banca Centrale del Giappone, dalla Bce e dalla Fed. Il risultato finale? Il Bitcoin precipita sotto gli 11.000 dollari, a 10.400, dopo aver sfiorato un massimo di 20.000 per perdite complessive calcolabili, in questo fine settimana al 39%.

Ma attenzione, pensare che il problema sia circoscritto solo a questa moneta virtuale è un peccato di ingenuità: tutto il mercato delle criptovalute si trova al momento sotto scacco con percentuali di perdita simili, a partire dall’Ethereum, che perde il 25%, seguita da Bitcoin cash che cede il 42,6% e il Litecoin che cala del 43%. Un’eccessiva volatilità che ha costretto Coinbase, uno dei maggiori mercati di scambio, a sospendere temporaneamente gli ordini di acquisti e vendite.

Non tutti hanno lanciato allarmi veri e propri ma molti interlocutori del settore finanziario hanno iniziato a lanciare segnali forti nei confronti di queste criptovalute, sottolineando come i rischi per chi lavora su questi sistemi siano molto alti rispetto a quelle che possono essere le normali transazioni finanziarie. Non è un caso che il governatore della Banca d’Inghilterra e numero uno del Financial Stability Board, Mark Carney, abbia sottolineato a gran voce che sia arrivato il momento di regolamentare una volta per tutte le criptovalute e la raccolta fondi digitale.

Soprattutto ora che sempre più grandi investitori vogliono entrare nella partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>